Ora di pranzo...che fame!

Per il pranzo io e mio nipote avevamo in casa:

  • penne rigate;
  • fusilli;
  • conchiglie rigate;
  • bucatini;
  • mezzi rigatoni;
  • pere.

Con questi ingredienti decidemmo di realizzare un piatto unico intitolato "e ora... pasta!"

Prendendo spunto dalle bizzarre composizioni dell'Arcimboldi (Giuseppe Arcimboldo era un pittore milanese della seconda metà del Cinquecento), iniziammo a maneggiare la pasta che avevamo a disposizione osservandone la forma e le caratteristiche espressive. Dopo aver provato varie possibilità compositive, prendemmo un piatto ed iniziammo a dar vita alla nostra opera.

Mancava però ancora qualcosa...gli occhi. La pera che stavamo mangiando ci fornì un valido aiuto!

Qui di seguito una foto con i vari "ingredienti", una "gif animata" che richiama la Pop-Art e immagini che mostrano le varie fasi compositive.

E ora... pasta!

Fasi realizzative


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti; chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Clicca su OK per continuare. Per ulteriori informazioni visita la sezione Cookie Policy.